• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Expo, allarme mafia dal magistrato Ingroia

Repubblica — 26 marzo 2009
fonte: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2009/03/26/expo-allarme-mafia-dal-magistrato-ingroia.html

ÈUN’ ACCUSA durissima quella che lancia Antonio Ingroia, procuratore aggiunto di Palermo. Diretta agli amministratori del Nord, che starebbero sottovalutando il problema delle infiltrazioni mafiose. Di più: «Mi sembra che l’ approccio sia di sottovalutazione e convivenza». Dichiarazioni che provocano le reazioni indignate del sottosegretario alle Infrastrutture, Roberto Castelli: «Da Ingroia parole offensive e sconcertanti». E del Pirellone: «Se Ingroia sa qualcosa faccia nomi e cognomi». La polemica è legata all’ Expo e all’ intervista rilasciata a “KlausCondicio”, la trasmissione su Youtube del massmediologo Klaus Davi. Ingroia precisa: «Non ho mai fatto riferimento al sindaco Moratti né al governatore Formigoni, né in modo specifico agli amministratori lombardi. Il mio era un ragionamento sulla insufficiente attenzione, a mio parere, da parte di gran parte degli amministratori del Nord rispetto all’ espansione degli interessi finanziari mafiosi che stanno infiltrando ampi settori». Ma il procuratore ha comunque risposto a una domanda sull’ Expo e sul rapporto della Dda che ha messo in luce gli interessi della ‘ ndrangheta sui cantieri del 2015. «Gli amministratori del Nord sono mai venuti da lei per chiedere quali strumenti adottare per avere più trasparenza?», gli chiede Davi. «No», dice Ingroia. E parla di «sottovalutazione, perché si pensa che le organizzazioni e la criminalità organizzata siano fronteggiabili con l’ azione della sola magistratura, senza il sostegno della pubblica amministrazione; convivenza, perché si pensa che un’ eventuale presenza di interessi mafiosi sia “compatibile” con il sistema». All’ allarme del magistrato reagisce Castelli: «Nessuno in Lombardia sottovaluta il fenomeno della mafia e della ‘ ndrangheta». Roberto Formigoni replicherà al suo rientro a Milano, ma fonti della Regione informano: «Ci sembra che Ingroia non dimostri una sufficiente conoscenza della realtà delle istituzioni lombarde né del loro costante e forte impegno contro ogni forma di illegalità». Il capogruppo del Pd in Comune, Pierfrancesco Majorino, ribadisce «la necessità che Palazzo Marino si doti di una commissione d’ inchiesta ad hoc». – (a.gall.) 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: