• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

    Altre foto

Imponevano il pizzo a Milano – MAFIA VOLEVA UCCIDERE SINDACO GELA

fonte: http://www.ansa.it

GELA (CALTANISSETTA)  – I boss mafiosi di Gela avrebbero imposto il pagamento del pizzo anche alle imprese siciliane che si aggiudicavano appalti pubblici a Milano. Gli imprenditori avrebbero dovuto pagare “la protezione” anche se svolgevano lavori in città del Nord Italia e non solo in Sicilia. E’ quanto emerge da una inchiesta che ha portato la polizia di Stato all’arresto di due persone. I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal gip del tribunale di Caltanissetta su richiesta della Direzione distrettuale antimafia nissena che ha coordinato l’indagine della Squadra mobile e del commissariato di Gela. L’indagine punta sul gruppo mafioso degli Emmanuello che fanno capo a Cosa nostra, il quale è strutturato in organismi territoriali che operano unitariamente, o in stretta collaborazione, in varie zone del territorio nazionale e all’estero.

Gli agenti della Squadra mobile di Caltanissetta e del commissariato di Gela hanno arrestato Maurizio Saverio La Rosa, di 40 anni e Maurizio Trubia, di 41, entrambi di Gela. Sono accusati di associazione mafiosa e di aver imposto il pagamento del “pizzo” a imprese di Gela che effettuavano lavori pubblici anche a Milano. I due indagati dovranno pure rispondere dell’aggravante di aver fatto parte di un’associazione armata, che aveva disponibilità di esplosivo ed armi. L’indagine, coordinata dalla procura distrettuale antimafia di Caltanissetta, ha consentito di individuare gli attuali reggenti di Cosa nostra di Gela che fanno parte del gruppo Emmanuello, e di stroncare sul nascere un serio tentativo di ricostituzione di questo pericoloso clan. L’inchiesta si basa su intercettazioni e sul contributo offerto da un imprenditore di Gela, che ha denunciato le estorsioni, e sulle nuove dichiarazioni del boss mafioso Carmelo Barbieri, che sta collaborando con i pm della Direzione distrettuale antimafia.

PM, VOLEVANO UCCIDERE SINDACO GELA E IMPRENDITORI
L’inchiesta che stamani ha portato all’arresto di due persone per associazione mafiosa, fa emergere che il gruppo mafioso degli Emmanuello stava preparando un attentato per uccidere il sindaco di Gela, Rosario Crocetta e alcuni imprenditori. I boss volevano uccidere gli imprenditori gelesi che negli ultimi anni hanno collaborato con le forze dell’ordine e la magistratura nella lotta al racket delle estorsioni, e contro Rosario Crocetta per la sua attività di sindaco antimafia. Gli inquirenti sostengono che il pericolo di attentati sarebbe stati attuale ed imminente. Per questo motivo la procura distrettuale antimafia ha chiesto con estrema urgenza il provvedimento cautelare al gip. Il progetto di uccidere Crocetta si inquadra anche nelle campagne di stampa e le iniziative amministrative prese dal sindaco per riaffermare la legalità a Gela.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: