• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Torna in cella Alfredo Bono. L’amico degli amici

Alfredo “il lungo” tradito da un residuo di pena. Dal resort di Milano 3 al carcere di Parma

Chi è?

Alferdo Bono, 73 anni, detto il Lungo. Uomo d’onore, amante del gioco d’azzardo
Originario di Palermo, a Milano risulta residente in via De Cristoforis, 6
Ma da diversi anni viveva nel residence Club resort di Milano 3. La città costruita da Silvio Berlusconi
Insieme a Ugo Martello e Gaetano Fidanzati rappresenta la triade di Cosa Nostra a Milano
Il signor Alfredo, in cella non ci starà per molto. E non è colpa dei suoi 73 anni, che si sa “sono incompatibili con la detenzione”. Semplicemente il signor Alfredo, Alfredo “il Lungo”, di galera uscirà in fretta

come ha sempre fatto. Con le sue gambe e a testa alta verso la giustizia. Lui è Alfredo Bono, e da sempre è considerato uno dei più importanti referenti di Cosa Nostra a Milano. E’ lui, infatti, il terzo nome della triade formata da Gaetano Fidanzati (ora latitante) e Ugo Martello, che secondo l’antimafia rappresenta il vertice di cosa nostra in Lombardia. Lui, fratello del famoso boss Giuseppe “Pippo” Bono, nella vita la galera l’ha sempre scampata. Fin dai tempi del maxi-processo di Palermo, quello di Falcone, di Riina, di Buscetta e Giuseppe Greco. Così nei giorni scorsi quando le forze dell’ordine lo sono andate a prendere nel suo appartamento al residence Club resort di Milano 3 (nella foto) – lussuosa struttura a 4 stelle affacciata sul lago dei cigni nella città-rifugio costruita da Silvio Berlusconi -, ecco quando gli agenti lo hanno preso e caricato in macchina lui, come al solito, non deve aver fatto una piega.

Del resto lui, nel residence con le terrazze verdi e gli arredi dorati, ci viveva ormai da qualche anno (anche se la residenza è ancora in via De Cristoforis, 6 a Milano) e mai e poi mai aveva creato problemi. A guardarlo entrate e uscire elegante e cordiale, semmai, poteva sembrare un distinto ex dirigente ormai in pensione. L’unica passione, la passione del gioco d’azzardo, dei casinò e delle bische, l’aveva celata sempre senza ma dare nell’occhio. Oggi il signor Alfredo è nel penitenziario di Parma, dove l’hanno portato le forze dell’ordine per un residuo di pena dei 17 anni di reclusione ai quali era stato condannato. Secondo i suoi legali, Luca Cianferoni e Riccardo Donzelli, Bono però uscirà presto: “Tra una precedente detenzione di circa otto anni, l’indulto, e gli sconti per buona condotta nella precedente carcerazione, potrebbe uscire entro un anno”. E, conoscendo Alfredo “il Lungo” c’è da giurarci. (cg/gt)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: