• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Infiltrazioni della ‘ndrangheta a Desio cade l’amministrazione di centrodestra

Fonte: http://www.milano.repubblica.it

Dimissioni in massa dei consiglieri comunali: anche la Lega Nord si è ritirata con il centrosinistra
Il sindaco Mariani (Pdl): la loro decisione ha infangato l’immagine della città e la nostra onorabilità

Alla fine anche la Lega Nord ha rotto gli indugi. E a Desio l’amministrazione comunale è caduta per i contraccolpi dell’inchiesta sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Brianza. I consiglieri comunali di Pd, Italia dei Valori, Desio Viva, Movimento 5 Stelle e Lega Nord si sono dimessi, provocando così lo scioglimento del consiglio e il commissariamento dell’amministrazione fino alle prossime elezioni. La decisione del Carroccio di abbandonare al suo destino il sindaco Giampiero Mariani (Pdl) è arrivata dopo che i tre assessori leghisti avevano lasciato la giunta chiedendo “un segnale di discontinuità”, un segnale che non è arrivato, convincendo i consiglieri della Lega a unire le loro dimissioni a quelle dei rappresentanti dell’opposizione.

L’inchiesta che indirettamente ha portato alla caduta della giunta di centrodestra è l’operazione contro la ‘ndrangheta denominata ‘Infinito’, che a luglio aveva portato a oltre 300 arresti in tutta Italia (di cui 50 in Brianza). Proprio in provincia di Monza, e particolarmente a Desio, comune di oltre 40mila abitanti, sono stati coinvolti nell’inchiesta, anche se non risultano indagati, uomini politici, fra cui tre esponenti del Pdl: il presidente del consiglio comunale Nicola Mazzacuva, il consigliere comunale Natale Marrone e l’ex assessore provinciale Rosario Perri, che per anni era stato il dirigente dell’Ufficio tecnico comunale. Dalle indagini erano anche scaturiti i nomi del consigliere regionale Massimo Ponzoni e del presidente dell’Asl di Monza, Pietrogino Pezzano, anche se tutti gli interessati hanno sempre smentito qualsiasi legame con la vicenda.

Subito il consigliere regionale pd Giuseppe Civiti aveva chiesto al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, di sciogliere e commissariare il Comune di Desio per infiltrazioni mafiose, ma il ministro non ha raccolto l’invito e così il sindaco Mariani, eletto solo nello scorso aprile, ha continuato, fra le polemiche, a governare. Nel frattempo il vicesindaco Ettore Motta e gli assessori Antonio Manzotti e Francesca Zecchin, tutti del Carroccio, hanno abbandonato la giunta, che però ha continuato a godere dell’ appoggio dei consiglieri. Infine le dimissioni.

Il primo a plaudire è stato Civati , he ha parlato di “un bel giorno per Desio, la Brianza e il Nord”. Mariani ha invece rimarcato che l’inchiesta era rivolta a fatti antecedenti all’entrata in carica della sua amministrazione e che, anche nel suo precedente mandato, la Lega ha sempre condiviso le scelte politiche del sindaco e della giunta di cui faceva parte. “Il consiglio comunale – ha aggiunto – non viene sciolto da organi governativi per sospette infiltrazioni malavitose, ma per una scelta di natura politica di alcuni consiglieri che si assumeranno la responsabilità di aver infangato l’onorabilità degli amministratori e l’immagine della città”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: