• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Giulio Cavalli: una scorta (in)utile

Partiamo da alcuni fatti: è il 23 dicembre 2010, mancano due giorni a Natale, ma la giunta lombarda non si riposa mai e così scioglie il riserbo sulle nomine dei direttori generali delle 15 Asl, delle 29 Aziende ospedaliere della Lombardia e dell’Areu, l’Azienda regionale emergenza e urgenza.
Passano poche ore affinché si concentri l’attenzione su uno di quei nomi, quello di Pietrogino Pezzano, nominato direttore dalla più grande Asl d’Italia, quella di Milano. Calabrese, Pezzano è noto, in realtà, per alcune fotografie inserite nei fascicoli dell’indagine “Infinito” che lo ritraggono in compagnia dei due capibastone della Brianza Saverio Moscato e Candeloro Polimeno e per un’accusa di corruzione dai carabinieri di Desio per i lavori affidati a Giuseppe Sgrò, arrestato insieme al fratello Eduardo per 416bis. Non basta, a detta di Pino Neri, boss della ‘ndrangheta della zona di Pavia, è lui uno di quelli “che fa favori a tutti”.

Una questione, come dicevo, che non passa inosservata e che, nonostante le vacanze di Natale, chiama a raccolta molti sindaci dell’hinterland milanese che, guidati dal sindaco di Vanzago Roberto Nava e dal presidente di “Sos racket e usura” Frediano Manzi, decidono di proporre una consultazione popolare per chiedere l’opinione dei cittadini sull’opportunità politica di condividere o meno la scelta della giunta Formigoni. Nel frattempo anche alcuni consiglieri regionali non stanno a guardare: Giulio Cavalli (IDV) presenta una mozione, firmata in calce dai gruppi PD, UDC, SEL e Pensionati, per chiedere la revoca della nomina del nuovo direttore generale.

18 gennaio 2011: giorno della verità. Il Consiglio regionale è chiamato a votare e decidere sulla scomoda nomina. La Lega, dopo le parole di imbarazzo del Presidente del consiglio regionale Davide Boni, sembra voler appoggiare la mozione Cavalli in quella che è una consultazione a scrutinio segreto. Qualcosa salta, i tre consiglieri UDC che nei giorni precedenti, guidati da Enrico Marcora, si erano prodigati in questa battaglia improvvisamente scompaiono. Si vota: 31 voti favorevoli; 32 contrari; 2 astenuti. Pezzano rimane al proprio posto.
Stessa data, squilla il telefono del consigliere regionale dell’IDV Giulio Cavalli, è il Prefetto di Lodi: la sua scorta è revocata, fra dieci giorni le verrà tolta qualsiasi forma di protezione.

Stava per accadere qualcosa in Lombardia. Per la prima volta qualcuno stava riuscendo a sovvertire una decisione presa dalla giunta regionale. Non una decisione qualsiasi, sia ben chiaro: in palio c’era il posto più prestigioso della sanità lombarda, la credibilità di una decisione politica di chi, da quindici anni, governa nella regione più ricca d’Italia. L’etica pubblica e il rigore morale stavano trionfando lasciando alla porta quelle che, anche solo a livello di possibilità, sembrano essere le infiltrazioni mafiose nel sistema sanitario lombardo. Si riesce ad evitarlo, ma non basta: bisogna dare un segnale più forte. Bisogna fare in modo che chi si sta facendo promotore di tanta voglia di legalità e trasparenza politica capisca che deve rallentare la sua sete di giustizia.

O forse no. Forse tutta questa vicenda non c’entra nulla con la revoca della scorta a Giulio Cavalli. Forse, semplicemente, quel documento della Commissione parlamentare antimafia, che accerta le minacce subite dall’attore, non basta all’Ufficio centrale scorte per tenere impegnati costantemente uomini delle forze dell’ordine che hanno l’obbligo di sorvegliarlo ovunque vada. Forse è uno spreco di soldi quello che lo Stato stava facendo ed è arrivato il momento che quest’attore da quattro soldi che, non si sa come, è riuscito a guadagnarsi i voti dei cittadini per rappresentarli in Consiglio regionale, sia isolato. Anzi, meglio, forse è il caso che qualcuno pensi a un piano anche per delegittimarlo, infangare il suo lavoro, fino a lanciare un segnale chiaro, univoco: vuoi tanto fare il martire? Fallo da solo. E tu, Vincenzo Mandalari, boss della ‘ndrangheta latitante, adesso hai piede libero per soddisfarlo.

Massimo Brugnone
Coordinatore regione Lombardia “Ammazzateci Tutti”


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: