• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Le voci di Legalitàlia inneggiano ai nuovi “mille”

Fonte: http://www.varesenews.it

Tanti e focosi interventi sul palco del Museo del tessile. Da Aldo Pecora che elegge i giovani a “nuovi garibaldini” a Pino Maniaci di teleJato che invita a diffidare dai politici che “non fanno piazza pulita nei partiti”

Sono tanti, sono colorati, sono rumorosi. Sono i giovani di “Legalitàlia” che oggi hanno invaso le vie della città per la grande manifestazione contro la mafia. Dopo le conferenze nei 9 teatri della città, l’appuntamento era alle 12.30 in piazza Santa Maria da dove un lungo serpentone si è snodato lungo le vie del centro cittadino tra canti, balli, slogan e molti striscioni fino al parco del museo del tessile.  «Siete bellissimi». E’ con queste parole che Massimo Brugnone, responsabile di Ammazzateci Tutti in Lombardia, accoglie i giovani che vanno lentamente a riempire il prato del quadrilatero del museo davanti al palco che accoglie alcuni degli oltre 30 ospiti che hanno animato la mattinata. «Sogno un’Italia governata da giovani come voi» conclude Brugnore prima di lasciare la scena a Gigi Farioli.

Il sindaco di Busto, parlando anche a nome dei colleghi della zona, si lancia in un’appassionato elogio della città «capitale del paese grazie a voi che siete la nostra speranza». Ma l’entusiasmo dei giovani si infiamma non appena prende la parola Aldo Pecora, fondatore e leader del movimento Ammazzateci Tutti. «Dobbiamo avere il coraggio di stare vicino a tutti quelli che combattono la mafia sulla loro pelle» dice riferendosi ad amministratori locali, agenti di polizia e magistrati annunciando poi che «oggi è solo un inizio» perchè da Busto Arsizio «inizia oggi il percorso di liberazione delle regioni oppresse dalla mafia. Siamo noi i nuovi 1000!». Ad ascoltarlo, in realtà, ci sono molto più di mille ragazzi, quasi il doppio si ipotizzerà a fine manifestazione.

E tocca a Pino Maniaci, carismatico direttore di Tele Jato (una tv locale siciliana che tratta quasi esclusivamente di mafia), incitare gli animi di questi “moderni garibaldini”. Acclamato come una star, ricorda subito a tutti che «oggi è il vostro giorno» invitando così a diffidare da quei politici “da passerella” che «esaltano la legalità e poi sostengono certi parlamentari indagati nei loro partiti». «Dobbiamo scardinare -continua il direttore- questa classe politica minando i partiti alla base per obbligarli a fare pulizia al loro interno». Il microfono scivola ora nelle mani di Rosanna Scopelliti,figlia del magistrato assassinato dalle cosche, che ricorda come «5 anni fa (quando è nato ammazzateci tutti, ndr) non avrei mai potuto immaginare una cosa del genere». Ricorda l’esempio del padre che «ha detto no alla mafia sapendo a cosa sarebbe andato incontro» ma che così facendo «ha dato un insegnamento a me e ad ognuno di voi: scegliere la legalità, sempre!». Con un velo di emozione esorta gli studenti a «non avere paura di scegliere da che parte stare: dite alle mafie che la vostra libertà, la vostra dignità, non sono in vendita».

Infine, è Rosario Crocetta, ex sindaco di Gela e oggi eurodeputato a portare la sua testimonianza di come, poco dopo essere stato eletto, stavano progettando il suo assassinio «con armi provenienti proprio dalla vostra città». Ma oltre a raccontare la sua storia, l’onorevole Crocetta tiene a ricordare il «grande atto di responsabilità» accettato dai ragazzi di Legalitàlia che «da oggi non potranno più far finta di non vedere quello che accade intorno a voi».  Forse, però, sono le parole del Preside del liceo Candiani, Andrea Monteduro, a stigmatizzare al meglio il senso della giornata. «oggi -ha detto il preside- voi avete dimostrato che qui non c’è trippa per mafiosi». Nella partita contro la mafia, oggi la legalità ha segnato un punto molto importante. La strada da fare è ancora lunga ma a giudicare dall’entusiasmo travolgente dei giovani studenti, vincere è possibile.

11/04/2011
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: