• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Debiti, cocaina e bande rivali Le faide del Naviglio Pavese

Fonte: http://www.milano.corriere.it

Giro di cambiali e fallimenti tra i locali della movida. Le proteste dei residenti: ogni notte risse e pestaggi

MILANO – Non si paga oppure si paga troppo, sul Naviglio Pavese. Il Cobà è inseguito dalla comunità sudamericana che l’ha eletto a luogo di culto, e dai creditori che vorrebbero finalmente smettere di frequentarlo. Prima 2.500 euro poi 600 e poi 3.300 euro, di mese in mese nella storia del locale si ripetono cambiali non pagate. Che strano. Un posto di soldi a palate come questo. Fuori, coda all’ingresso e macchine in doppia fila. In una Punto blu quasi fosforescente, sotto lo specchietto retrovisore c’è un peluche che pare uno scoiattolone impagliato. Per strada qualcuno si accascia, tanto è ubriaco. Qualcun altro tira dritto verso il ponte. Il ponte collega le vie Gola e Ascanio Sforza all’incrocio con via Lagrange. Sopra il ponte una decina di africani. Le sentinelle. Giù dalle scale si compra. Palline di carta stagnola. Contengono un quartino di grammo di cocaina. Roba da infimo mercato, si dice. Di più: patacche. Droga mischiata a bicarbonato. Eppure ogni pallina costa 20 euro.

La faccia sporca del Naviglio. Venerdì tra la mezzanotte e le quattro non è passata una pattuglia. Polizia, carabinieri. Vigili. Magari i primi due fanno servizi in borghese, cosa ne sapete, replichiamo ai residenti che parlano di «ghetto» e «abbandono». Macché, zero, rispondono, «almeno i vigili potrebbero farsi vedere», e comunque «comandano i locali». Alcuni locali, forse. Ci sono nomi di proprietari «di ristoranti e bar che conviene non fare. Se tocchi dove non devi, ti scotti». Chi c’è dietro? Ci sono partiti e politici che influenzano, dirigono? C’è, questo sì, un personaggio che si muove su Ferrari monitorato dalla Dia, la Direzione investigativa antimafia. Infiltrazioni mafiose? La ‘ndrangheta? Domande, domande. Per caso c’è chi fa barriera contro i controlli negli esercizi commerciali di agenti, vigili del fuoco, Asl per verificare licenze, permessi, personale? E perché nella Milano delle ordinanze anti-degrado in multietniche periferie e di rigorose chiusure alle 2, in via Ascanio Sforza arriva l’alba che ancora si beve e balla?

Su questo Naviglio Pavese si incontrano – risse, calci e sputi – bande di ragazzini, i sudamericani, i latinos. Regolamenti di conti nati nel nativo hinterland. Per esempio, è successo di recente, al cinema multisala Medusa di Rozzano. Stranieri. Però sono italiani i capi del traffico di cocaina. E son tanti gli italiani proprietari di locali, che mutano con una velocità impressionante facciate, insegne, anima. Il Cobà: trasferimenti d’azienda nel 2005, 2006, 2007 e (due volte) nel 2008. Un altro nome, il Maya: dal ’99 al 2005, 19 cambi di mano, siglati davanti a uno-due notai che gestiscono le compravendite di tutta la via. E la Cartagena srl, un bar? Riconduce a Jose Jaime Diz Barros, classe ’72, colombiano. Amministratore unico, deve aver dilapidato il patrimonio se non è riuscito, dal 2008, a coprire un assegno di 750 euro.

Rifiuti galleggiano in acqua. Una ragazzina, abita a metà di via Ascanio Sforza, accelera il passo, un tizio si avvicina alle spalle, risata sinistra, farfuglia forse sconcezze, lei chiama la mamma col cellulare, corre e troverà il cancello aperto. Alle due le presenze diminuiscono, gli spacciatori girano in bici per raggiungere chi è rimasto. Due fidanzatini cercano un motel navigando sull’iPhone, vorrebbero chiedere l’indirizzo a qualcuno. Ormai è tardi, se ne sono andate pure le scintillanti prostitute radunate lì all’angolo, fuori da quel locale. Sono dirette nei night, dicono, o direttamente a domicilio, nelle case, ovunque purché lontano da qui.

Andrea Galli
17 aprile 2011(ultima modifica: 19 aprile 2011)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: