• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Sesto, esplosione in un negozio nella notte

Fonte: www.milano.corriere.it

Ipotesi dolosa con una bottiglia incendiaria come innesco

SESTO SAN GIOVANNI – L’esplosione fortissima. La vetrina del negozio in frantumi. Il fumo e le fiamme sulla strada e verso il cielo buio. Scene d’inferno si sono vissute questa notte a Sesto San Giovanni, nella centralissima via Breda a causa dell’incendio scoppiato in un phone center, al piano terra di un vecchio edificio residenziale di fianco alla ferrovia Milano-Como-Chiasso.

IL BILANCIO – Il bilancio del rogo, fortunatamente, è di soli 4 intossicati lievi, tra cui una donna di 90 anni e un giovane originario delle isole Mauritius che, preso dal panico, si è lanciato dalla finestra del primo piano. Più ingenti i danni materiali: il negozio è andato completamente distrutto e due appartamenti del palazzo sono inagibili. Il caos è iniziato verso le 2. A svegliare i residenti è stato uno scoppio fortissimo, che ha infranto le vetrine del phone center proiettando le schegge di vetro a diverse centinaia di metri di distanza: in quel momento sulla strada non passavano veicoli, altrimenti il pericolo sarebbe stato enorme. Subito dopo dai locali è uscita una densa nuvola di fumo, mentre le fiamme divoravano ogni cosa. I carabinieri del comando di compagnia di Sesto San Giovanni, giunti sul posto insieme ai vigili del fuoco, alla polizia locale e alle ambulanze del servizio 118, non hanno dubbi sull’origine dolosa dell’incendio.

LE IPOTESI – Potrebbe trattarsi di una bottiglia incendiaria che ha fatto da innesco, ma gli inquirenti mantengono abbastanza riserbo sulla vicenda e non escludono alcuna ipotesi: dalla vendetta all’avvertimento. In ogni caso il fuoco è scaturito dall’interno dei locali. Incredulo il titolare del phone center, un siriano con regolare permesso di soggiorno, che non ha mai avuto problemi con la giustizia. Gli abitanti del palazzo sono stati fatti sgomberare: i vigili del fuoco hanno tratto in salvo un’anziana donna, che si trovava nell’appartamento di fianco ai due danneggiati dal rogo. Accompagnata in ospedale, la pensionata è stata visitata, tranquillizzata e dimessa. Stessa sorte per gli altri tre intossicati lievi, tutti stranieri. I residenti hanno potuto far ritorno nelle loro abitazioni intorno alle sei di questa mattina. Tranne le persone che abitano al primo piano. Hanno trovato ospitalità da amici. Anche via Breda è stata riaperta al traffico poco dopo.

Ferdinando Baron
25 agosto 2011 12:10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: