• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

BUSTO CAPITALE DELLA RIFLESSIONE CONTRO TUTTE LE MAFIE

Fonte: www.informazioneonline.it

BUSTO ARSIZIO – Riflessioni. Dopo il no alla mafia e il sì alla legalità urlato da quasi diecimila giovani, lunedì 23 aprile, in piazza San Giovanni prima e poi al Museo del Tessile a Busto Arsizio, riceviamo e pubblichiamo la “riflessione” scritta di Palazzo Gilardoni.

“Nel corso della mattinata – si legge nella nota comunale – Busto Arsizio è stata letteralmente invasa da giovani e meno giovani che hanno fatto per il secondo anno consecutivo di Busto la capitale della riflessione contro tutte le mafie e per l’affermazione di un principio di legalità che non dimentichi mai la sua essenziale funzione di servizio all’uomo, alla sua libertà e dignità (“Non è l’uomo fatto per il sabato, il sabato per l’uomo).

Straordinario è stato il coinvolgimento delle scuole superiori cittadine. Ben nove sale sono state occupate a partire dalle ore 9 con la presenza di numerose personalità del mondo civile, associazionistico, culturale, scolastico, politico, istituzionale (amministrazioni, magistrati, forze dell’ordine).

L’iniziativa, di cui va riconosciuto il primato e la fondazione ad Ammazzateci tutti, coordinata da Massimo Brugnone, ha visto quest’anno un coinvolgimento se possibile ancor più ampio e significativo, andando al di là degli stretti ad angusti confini cittadini, ma ancora di più va sottolineato, insieme con il patrocinio, anche della Provincia presente con l’Assessore Bonfanti, l’adesione  e la collaborazione del consiglio scolastico provinciale giovanile e l’inserimento in una più complessiva azione di educazione alla legalità che, coordinata dall’Assessorato alla Cultura di Busto Arsizio, ha coinvolto in iniziative culturali, artistiche, sociali e creative, molte associazioni giovanili (basti ricordare Centro Stoà, Comunità giovanile e Fondazione Blini).
Fondamentale è stata la presenza di parlamentari europei, tra cui l’on. Crocetta e l’on. Comi; importante è stato poi il radunarsi presso il giardino quadrato del Museo del Tessile, laddove, sempre coordinati da Massimo Brugnone, hanno avuto l’opportunità di prendere la parola molti relatori e testimoni, tra i quali l’Assessore alla Cultura Mario Crespi e il Sindaco Gigi Farioli.

In particolare, l’Assessore ha voluto sottolineare, nel complimentarsi con Ammazzateci tutti, Massimo Brugnone e anche con tutte le altre associazioni, la necessità di dare costanza a questo impegno e, soprattutto, frequentando professionalmente i tribunali, ha voluto evidenziare l’opera meritoria dei giudici, degli operatori di giustizia e delle forze dell’ordine del territorio. Il Sindaco, unendosi ai ringraziamenti, ha voluto in particolare sottolineare l’orgoglio che Busto Arsizio, le sue associazioni e i suoi giovani hanno avuto modo di dimostrare e vogliono dimostrare, non solo in alcune giornate, ma con continuità, per la realizzazione di una cittadinanza attiva e responsabile.
Ha inoltre ricordato come il fatto che la meritoria azione di Ammazzateci tutti sia stata accompagnata in questi giorni e nel corso dell’anno dall’attenta partecipazione di altre associazioni giovanili, di molte scuole, e significative realtà del territorio, indichi la provvidenziale contagiosità del bello, del buono e del giusto e soprattutto la pervasività di questi concetti al di là di ogni collocazione, identità, intolleranza, pregiudizio ed esclusivismo.
Ha poi sottolineato, con particolare soddisfazione, quanto ricordato dall’onorevole Crocetta, e cioè il riconoscimento ad Ammazzateci tutti di Busto Arsizio, ma soprattutto l’annuncio dell’on. Lara Comi di voler far tenere proprio a Busto Arsizio una seduta della commissione antimafia del Parlamento europeo. Ciò ovviamente perché Busto non è la capitale dei problemi mafiosi, ma lo è e lo può diventare della battaglia contro tutte le mafie. Per costruire quegli anticorpi che, come medicina e fisiologia  insegnano, sono attivi e vincenti solo se sono in grado di riconoscere e attaccare i virus. Il Sindaco ha in oltre proposto, in linea con quanto già discusso a suo tempo col Prefetto e altri primi cittadini, che venga elaborato un protocollo contro ogni infiltrazione mafiosa”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: