• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Che cos’è Legalitàlia ?

Che cos’è Legalitàlia ?

Legalitàlia è un meeting antimafia, tenutosi per la prima volta il 9, 10 ed 11 agosto 2007, in occasione del sedicesimo anniversario dall’assassinio del giudice Antonino Scopelliti. I promotori sono Ammazzateci Tutti e la Fondazione Scopelliti che hanno promosso ed organizzato a Reggio Calabria questo evento, il primo meeting nazionale dei giovani contro la mafia, ospitando a Reggio Calabria una platea di quasi 300 giovani delegati di associazioni e movimenti giovanili italiani ed alcuni tra i massimi esperti italiani in materia di mafie tra giornalisti, magistrati ed operatori sociali.

La seconda edizione del meeting si è tenuta a Reggio Calabria nei giorni 8, 9 e 10 agosto 2008.

La terza edizione si è svolta sempre a Reggio Calabria nei giorni 9 e 10 agosto 2009. Il 9 agosto viene celebrata la Santa Messa da Don Luigi Ciotti per il diciottesimo anniversario dall’uccisione del giudice Antonino Scopelliti. In seguito, in piazza Duomo, si è tenuto il talk show “Il delitto Scopelliti e l’evoluzione della ‘ndrangheta, la mafia più potente del mondo”. Al dibattito hanno partecipato: il promotore del meeting e portavoce nazionale del Movimento, Aldo Pecora; il console generale degli Stati Uniti, Patrick Truhn; il Coordinatore della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e Commissario Stazione Unica degli Appalti Regione Calabria, Salvatore Boemi; il vice direttore generale della Pubblica Sicurezza della Polizia di Stato, Nicola Izzo; il giornalista de “La Gazzetta del Sud” nonché autore del libro “Morte di un giudice solo – il delitto Scopelliti”, Antonio Prestifilippo; il presidente della Fondazione Scopelliti, figlia del magistrato assassinato nel ’91 dalla ‘ndrangheta, Rosanna Scopelliti. A moderare il tutto è stato Lamberto Sposini, giornalista ed anchorman di Rai Uno. Nel corso deltalk show sono stati letti i saluti del Presidente della Repubblica, del Presidente della Camera dei deputati e del Presidente del Consiglio dei ministri. Il dibattito si è concluso con la consegna del primo premo “Antonino Scopelliti” al dott. Salvatore Boemi.

»  IL MEETING, OGGI

Dopo il grande successo delle prime edizioni, su volontà del suo ideatore, Aldo Pecora, il format “Legalitàlia” è stato esportato per la prima volta al di fuori dalla regione Calabria per sbarcare 11 aprile 2011 a Busto Arsizio con “Legalitàlia  in primavera”. Il coordinamento Lombardo di Ammazzateci Tutti in collaborazione con le scuole secondarie superiori della città ospitante sono riusciti ad organizzare questo evento, che ha visto   impegnati gli studenti in 9 teatri diversi a confronto con gli esperti.


» FINALITÀ

Crediamo che il riscatto della Calabria, del Mezzogiorno e di tutto il Paese, oggi più che mai, passi inesorabilmente dalla valorizzazione delle risorse ambientali, turistiche, economiche e dei suoi talenti umani e professionali. Per questo motivo, su idea di  Aldo Pecora, è nata “Legalitàlia”:  riunire in una entusiasmante kermesse nazionale “la meglio gioventù” italiana dando la possibilità a ragazzi e ragazze, che da tutta Italia vi hanno preso parte e intenderanno prenderne parte, di trascorrere un meeting-campus nel quale sono stati abbinati momenti di svago a momenti di riflessione, lavoro, incontro, dibattito, spettacolo, cultura.
“Legalitàlia” vuole unire tutti i giovani di buona volontà, ponendosi come  contenitore di idee ed esperienze ed al tempo stesso come facilitante di processi di collegamento, collaborazione ed interazione tra le migliori forze sane, nonché futura classe dirigente del Paese.

» IL SOSTEGNO DEL CAPO DELLO STATO

Legalitàlia è stata salutata positivamente nella sua prima edizione anche dal  Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il quale,  «nell’esprimere sentimenti di partecipazione al significativo incontro in ricordo del dott. Antonino Scopelliti, un magistrato coraggioso, coerente e rigoroso  – ha scritto Napolitano in un telegramma inviato al portavoce di “Ammazzateci Tutti”, Aldo Pecora, – che sacrificò la sua vita per le istituzioni e la difesa della legalità» ,  ha espresso il suo  «più vivo apprezzamento per l’intensa attività che più giovani svolgono per contrastare l’offensiva della criminalità organizzata e la cultura della violenza». «L’impegno dello Stato – ha continuato il Presidente – non può infatti bastare. All’azione delle forze di polizia e della magistratura e delle istituzioni tutte è indispensabile accompagnare la più ampia ed intensa partecipazione democratica perché solo questa può garantire, specie ai giovani, un avvenire di giustizia e di progresso».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: