• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Dodici arresti, in manette la “famiglia spacciatori”

Fonte: www.varesenews.it

Padre, madre e figlio reggevano con pugno di ferro una rete di spaccio che riforniva il Gallaratese, ma anche consumatori di Milano, Bergamo e Brescia: teoricamente erano nullatenenti ma avevano grandi mezzi

Una famiglia unita, nel gestire una ramificata rete di spaccio che copriva il Gallaratese ma riforniva anche i “consumatori” del Milanese: padre, madre e figlio di una famiglia residente a Cardano al Campo erano alla testa di un gruppo ben organizzato, finito in manette all’alba di mercoledì. I carabinieri della Compagnia di Gallarate, con l’ausilio di altre compagnie lombarde e sotto il comando di Varese e il coordinamento della Procura di Busto Arsizio, hanno eseguito 12 ordinanze di custodia cautelare, di cui 8 in carcere e 4 ai domiciliari.

A capo di tutto sarebbe M.R., già in carcere per altri reati: accanto a lui operavano il figlio, A. R. (che ha preso il suo posto quando lui è finito in ospedale) e la moglie, che secondo gli inquirenti aiutava nello smistamento e nell’organizzazione dei “cavalli”, gli spacciatori al dettaglio attivi sul territorio. Questi ultimi avevano anche zone di competenza ben specifiche, ad esempio una ragazza (anche lei finita in manette) “presidiava” un quartiere popolare di Gallarate. Chi non pagava la roba – o anche solo pagava in ritardo – finiva nei guai, subiva minacce ed intimidazioni. Un sistema ben rodato, dove anche i clienti avevano a volte un ruolo attivo, prestandosi a dare un passaggio in auto nei punti di scambio o custodendo dosi di stupefacenti per brevi periodi. 

A disarticolare la struttura criminale sono stati chiamati i carabinieri, «con uno sforzo investigativo notevole in carico alla compagnia di Gallarate», spiega il comandante provinciale colonnello Baldassarre. Il capitano Michele La Stella e il tenenteElisabetta Spoti hanno spiegato che l’indagine è partita dal “semplice” (ma in realtà assai complesso e articolato) servizio di sorveglianza su alcune persone che a Cardano si muovevano tra i locali, incontravano altri pregiudicati, controllavano il territorio. «La famiglia era ben attenta ai movimenti che si effettuavano, usavano anche un linguaggio fantasioso per indicare i loro movimenti». La stessa famiglia aveva un livello di vita ben al di sopra del suo reddito teorico: nel 2011 hanno dichiarato solo 5200 euro di reddito, nel 2010 persino 0 euro, però avevano un parco macchine ben fornito, con una splendente Fiat 500 Abarth e un grosso fuoristrada. «Abbiamo eseguito anche sequestri di diversi autoveicoli e motoveicoli e avviato l’indagine patrimoniale sui redditi incompatibili con uno stile di assoluta agiatezza» conferma il sostituto procuratore Mirko Monti, titolare dell’indagine, affiancato dal procuratore capo di Busto Francesco Dettori.

La loro rete, si è detto, era ben ramificata, copriva ogni necessità: «Trattavano cocaina, ma anche hascisc e marijuana» spiega ancora il colonnello Baldassarre. Oltre una cinquantina le perquisizioni svolte all’alba di mercoledì, si sono spinte fino a Milano, Bergamo e Brescia, con l’ausilio dei carabinieri del luogo. E anche la “logistica” era ben avviata: i livelli intermedi della “filiera” dello spaccio e i clienti dovevano pagare in anticipo, su un conto PostePay. Nome in codice per i pagamenti: Lupin. Riferimento non al celebre ladro, ma al nome del cagnolino della famiglia di cardanesi che reggeva la rete criminale.

6/06/2012
Roberto Morandi redazione@varesenews.it

2 Risposte

  1. I’d like to thank you for the efforts you have put in penning this site. I’m
    hoping to check out the same high-grade content by you later on as well.
    In truth, your creative writing abilities has inspired me to get my own website
    now 😉

  2. It’s perfect time to make some plans for the future and it’s time to
    be happy. I have read this post and if I could I wish to
    suggest you few interesting things or advice.
    Perhaps you can write next articles referring to this article.
    I desire to read more things about it!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: