• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Triangolazioni sospette per milioni E con Belsito spunta la ‘ndrangheta

E’ a Reggio Calabria uno dei tre filoni dell’inchiesta sul tesoriere leghista. Giri di fatture e compravendite sospette con società in tutta Italia e un faccendiere in rapporti con il potente caln dei De Stefano

di GIUSEPPE BALDESSARRO

Il terremoto giudiziario nella Lega arrivato con l’avviso al tesoriere Belsito e il blitz nella storica sede milanese di via Bellerio 1, è partito seguendo un sospetto personaggio calabrese. Su Belsito sono ben tre le inchieste aperte: Milano, Napoli, Reggio Calabria.

A lui la Dda di Reggio è arrivata seguendo gli affari di Romolo Girardelli, un procacciatore di business in odore di ‘ndrangheta. Girardelli, o meglio “l’ammiraglio”, come lo chiamavano nell’ambiente, nel 2002 era stato indagato per associazione di stampo mafioso. Gli investigatori lo ritengono vicino ai vertici del clan “De Stefano”, famiglia potentissima della città dello Stretto con interessi in Liguria e Francia. Il faccendiere fin dal 2002 è legato a Paolo Martino e Antonio Vittorio Canale, braccia economiche della cosca. Il Pm reggino Giuseppe Lombardo e gli specialisti della Dia gli stavano dietro da tempo, nella speranza di mettere le mani sul tesoro della “famiglia”. Una pista buona, che ha poi partato a scoprire anche i rapporti tra la presunta testa economica dei De Stefano e il tesoriere della Lega.

Girardelli, secondo l’inchiesta, di affari ne aveva procacciati anche a Belsito, all’imprenditore Stefano Bonet e all’avvocato Bruno Mafrici. “L’ammiraglio”, oltre che broker era socio di fatto di Belsito in una immobiliare con sede a Genova. Ma non è tutto, perché gli inquirenti hanno ricostruito una serie di passaggi milionari tra grandi società che si occupavano di consulenza e ricerca. Affari per diversi milioni di euro che consentivano utili sotto forma di crediti d’imposta. Giri di soldi e di “regali” che coinvolgono direttamente il tesoriere della Lega e alcuni altri manager di grandi aziende.

C’è ad esempio il caso della Siram che “acquista” servizi per circa 8 milioni dalla Polare del gruppo Bonet (di cui Giradelli è responsabile della sede genovese). La Polare poi è in affari con la Marco Polo da cui compra consulenze per 7 milioni. Ed è attraverso quest’ultima che la stesssa cifra torna nuovamente a Siram. Una triangono strano per i magistrati reggini, che ritengono che nei diversi passaggi alcune centinaia di migliaia di euro restino impigliate in diverse mani. Tra queste quelle di Belsito. L’inchiesta accerta che gli vengono liquidate circa 250 mila euro in due trance. Un caso analogo è quello che coinvolge Siran, Polare e Fin.tecno. Sono 8 gli indagati dell’inchiesta che si muove su tre diversi filoni. Quello reggino che riguarda gli interessi della ‘ndrangheta, quello milanese legato a Belsito al riciclaggio e all’appropriazione indebita e quello napoletano dove ha sede una delle società coinvolte nel giro. Le ipotesi di reato sarebbe la truffa allo Stato per i falsi crediti d’imposta e il finanziamento illecito dei partiti oltre che riciclaggio di denaro su conti esteri.
(03 aprile 2012)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: