• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

Video-poker e proiettili in busta A Lecco la ‘ndrangheta rialza la testa

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it

di Fabio Abati

Un sindaco della Lega oggetto di minacce: prima una molotov poi un bososlo. Un consigliere d’opposizione sotto scacco. Da Oggiono a Calolziocorte, gli affari del potente clan di Franco Coco Trovato corrono tra sale giochi e macchinette

Il gioco ai lecchesi può far male. Tra minacce ad amministratori pubblici e vecchi fantasmi legati alla criminalità organizzata, continuano i problemi della comunità lariana con macchinette video-poker e slot machine. In riva a “quel del ramo del lago di Como” le ultime statistiche dicono che sono 150 mila i giocatori abituali, dei quali almeno 4 mila “compulsivi”. Questi ultimi affrontano un’abitudine del genere in maniera patologica, dedicandovi un tempo al di là del lecito ma soprattutto sperperando veri e propri patrimoni. Se a tutto questo si aggiunge il fatto che in provincia di Lecco il numero delle sale giochi aumenta di anno in anno, è facile intuire di che giro d’affari milionario stiamo parlando e quindi degli appetiti che può stimolare.

Nel 2009 un’operazione della Polizia di Lecco, ribattezzata “Oversize”, mise in luce nel settore pure gli interessi della ‘ndrangheta. Emiliano Trovato, figlio trentenne del boss di Marcedusa (Catanzaro) Franco Coco – che in zona spadroneggiò almeno sino agli inizi degli anni novanta – aveva finito per investire i proventi del suo traffico proprio nel mondo delle sale giochi. Secondo i giudici, che in primo grado gli hanno comminato una condanna a più di vent’anni, per traffico di droga, armi, riciclaggio, usura ed estorsione, il suo gruppo ben articolato era arrivato a esercitare un vero e proprio monopolio nel mondo delle slot e dei videopoker, non risparmiandosi neppure dell’utilizzare, scrivono i magistrati: “Strumenti d’intimidazione per ottenere il benestare all’installazione di macchinette”.

Ma dopo gli arresti è tornata serenità nel settore? Non si direbbe, visto le minacce che continua a subire chiunque si metta di traverso al cammino di questa gallina dalle uova d’oro. Neppure un sindaco può considerarsi pienamente al sicuro. Roberto Ferrari, 36 anni, è il primo cittadino di Oggiono. È un militante della Lega Nord e ci tiene a sottolinearlo, ma se qualcuno della sua stessa area politica stenta a credere che una certa criminalità organizzata abbia preso piede nella ricca e “celtica” Lombardia, la sua esperienza è lì a smentirlo.

Il 14 marzo di quest’anno l’amministrazione di Oggiono approva un regolamento che introduce forti limitazioni alla nascita di sale gioco nel territorio comunale. La notte dell’8 aprile una molotov esplode fuori dalla porta di casa del sindaco Ferrari. Il mattino successivo viene rinvenuta, sempre nella cassetta delle lettere del primo cittadino, una busta con l’intestazione scritta a mano “al sindaco” e con all’interno un proiettile. Un altro bossolo viene rinvenuto nelle vicinanze del palazzo comunale la sera del 13 aprile, mentre è in corso un consiglio al quale stava assistendo pure il sottosegretario Roberto Castelli, che portava la sua solidarietà al sindaco per le minacce ricevute.

Per il momento le indagini sono affidate alla magistratura ordinaria di Lecco, che sta raccogliendo nuovi elementi e che valuterà poi se trasferire il tutto all’antimafia di Milano. Ferrari, però, sembra aver pochi dubbi sulla matrice dei fatti che lo hanno riguardato. Del resto un invito a non sottovalutarli gli è arrivato dallo stesso ministro dell’Interno Roberto Maroni, che in una visita in zona non ha mancato di passare da Oggiono a portare la sua personale solidarietà.

“L’attività di installazione delle macchinette videopoker ha rappresentato un settore dell’economia in cui l’associazione si è inserita con evidenti mire egemoniche, perseguite anche con il ricorso alla forza dell’intimidazione”, scrivono i giudici del Tribunale di Lecco nella sentenza di appello che conferma le condanne di primo grado per il gruppo di Trovato. Stiamo parlando quindi di un settore dove la criminalità ha sempre sguazzato.

Rappresentano quindi un pericolo per l’economia dei clan, tutti questi regolamenti restrittivi che molte amministrazioni comunali vorrebbero approvare. Regolamenti che in realtà possono ben poco. Prima di tutto non è loro facoltà bloccare tout-court l’apertura di una nuova sala; possono solo limitarne le caratteristiche e l’operatività. Inserendo, per esempio, obblighi sulla proprietà e i soci: che devono essere liberi da ogni pendenza giudiziaria; oppure sulle caratteristiche costruttive, stabilendo una distanza minima da scuole, oratori, chiese o biblioteche.

Ma la battaglia delle amministrazioni lecchesi e le conseguenti minacce, sono bi-partisan. A Calolziocorte la vittima non è il sindaco o un rappresentante della maggioranza – sempre Lega Nord – ma un consigliere di opposizione: Corrado Conti, in quota Pd. Inoltre, in questo caso la vicenda è complicata da una sala giochi che in paese sta per sorgere proprio in questi giorni. Conti è il primo a dire che quanto è successo a lui non è necessariamente da legare a questa nuova apertura; fatto sta che dopo le proteste che ha sollevato in consiglio comunale a inizio gennaio, il 17 dello stesso mese s’è trovato nella cassetta della posta una lettera minatoria con scritto: “infame …sala giochi ….basta, lavatene le mani… lascia stare…basta infamie!”

A coadiuvare l’azione di Conti c’è Duccio Fiacchini, l’animatore di un blog antimafia e molto attivo sul terriotiro: quileccolibera. Lui ha il dubbio, senza generalizzare, che certi collegamenti siano duri a morire. Il socio di una nuova sala che sta per aprire, ha firmato con nome e cognome un messaggio postato sul blog di Fiacchini, dal tono inequivocabile: “merdosi ipocriti, siete e sarete sempre una città di merda con la mentalità contadina […] Franco è e sarà sempre il mio migliore amico!” Il riferimento è a Franco Poerio, un calabrese ucciso a Lecco nel 2008 e che aveva sposato la cugina di Emiliano Trovato. Un fantasma al carcere duro, ma che se si parla di macchinette, in un modo o nell’altro, ritorna.

‘ndrangheta, maxi sequestro di beni appartamenti e box per 15 milioni

Fonte: http://www.milano.repubblica.it

L’operazione condotta dalla guardia di finanza tra Milano e Reggio per l’inchiesta Infinito
A breve i pm chiederanno il processo con rito immediato per 180 affiliati arrestati a luglio

E’ di circa 15 milioni di euro il valore dei beni immobili sequestrati dalla guardia di finanza di Milano in diverse province della Lombardia e a Reggio Calabria. Si tratta in particolare di appartamenti, box e cantine. Il sequestro preventivo è finalizzato alla confisca ed è stato disposto dal gip Andrea Ghinetti nell’ambito dell’ inchiesta Infinito coordinata dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini e dai pm Paolo Storari e Alessandra Dolci e condotta dai carabinieri di Monza e dal Ros di Milano.

Alcuni dei beni sequestrati dalle Fiamme Gialle ai boss della ‘ndrangheta o ai loro familiari nell’ambito dell’operazione Infinito stavano per essere venduti. Per questo nei giorni scorsi i pm della Dda di Milano hanno disposto un intervento preventivo urgente per tutti i beni individuati dalle indagini patrimoniali svolte : si tratta di 39 abitazioni, tra cui una villa, 37 box, 14 locali commerciali e magazzini e sei aree edificabili in provincia di Milano, Varese, Pavia, Bergamo, Como, Lecco, Catanzaro, Crotone, Vibo Valenzia e Reggio Calabria. Il sequestro preventivo è stato convalidato dal gip milanese Andrea Ghinetti.

I tre pm a breve dovrebbero chiedere di processare con rito immediato le circa 180 persone arrestate in Lombardia quasi tutte lo scorso luglio.

Corso Lodi, confiscati tre appartamenti a trafficante legato al clan Morabito. Beni e conti bancari per un milione e mezzo di euro

Fonte: http://www.milanomafia.com

Le abitazioni, in un palazzo residenziale, erano il covo del traffico di cocaina. Erano intestati a Casimiro Silvera Darnich, uruguaiano condannato a 7 anni e 4 mesi per l’operazione Ciaramella della Dda di Reggio Calabria

Chi è?

Casimiro Silvera Darnich, soprannominato Cacho, è nato il 9 dicembre del 1946 a Montevideo in Uruguay. L’ultima residenza prima dell’arresto era a Milano in corso Lodi. 59

I primi problemi con la giustizia risalgono al 1981 (decreto di espulsione), poi varie denunce per porto abusivo d’armi, ricettazione e danneggiamento

Nel 2005 il 63enne è stato arrestato nell’ambito dell’operazione Ciaramella della Dda di Catanzaro e condannato a 7 anni e 4 mesi

Milano, 30 dicembre 2009 – Tre appartamenti al civico 59 di corso Lodi, tre box, una Bmw X3, una lunga serie di conti bancari e assicurazioni personali. In totale beni per un milione e mezzo di euro sequestrati stamani dalla Dia di Reggio Calabria, su mandato della Seconda sezione della Corte d’appello del Tribunale di Reggio Calabria. I beni sono stati confiscati al 63 enne uruguaiano Casimiro Silvera Darnich (nella foto) da tempo però residente a Milano proprio in corso Lodi, 59. Il provvedimento è stato disposto dopo la scarcerazione di Silvera Darnich, pochi giorni fa, dopo una condanna a 7 anni e 4 mesi (sentenza diventata definitiva nell’aprile 2008). Secondo i giudici, “Silvera Darnich era uno dei principali responsabili dell’organizzazione al cui interno spiccavano elementi organici alla cosca capeggiata dal boss di Africo Giuseppe Morabito, u tiradrittu”. Per gli investigatori, “era proprio Darnich che si adoperava per contattare sia i narcotrafficanti sudamericani e spagnoli sia i responsabili della cosca mafiosa” per rifornire il mercato reggino e, al dettaglio, quello milanese attraverso una fitta schiera di fiancheggiatori”.

Parte dei beni è intestata alla moglie Gelsomina Maddalena T. 39 enne di origini napoletane. Il palazzo di corso Lodi, 59 è stato per lungo tempo uno dei punti cardine dell’inchiesta delle forze dell’ordine che hanno eseguito lunghi pedinamenti agli uomini dei Morabito proprio nella zona di corso Lodi. In particolare, gli inquirenti hanno filmato i traffici di Silvera Darnich che venivano gestiti nell’appartamento di corso Lodi, 59, ma anche il via vai continuo dal Golden bar, sempre in corso Lodi e da un negozio di maglieria intima, allo stesso civico, intestato alla ex moglie di Silvera Darnich, una calabrese già conosciuta dagli uomini di Giuseppe Morabito. (cg)

Traffico di cocaina ed eroina, 20 arresti

Giro di stupefacenti fra Milano e la Calabria

(ANSA) – CATANZARO, 21 LUG – La polizia ha eseguito venti ordinanze di custodia cautelare per traffico di cocaina ed eroina fra la Calabria e la Lombardia. I provvedimenti riguardano persone residenti a Catanzaro ed in provincia di Cosenza. Un’ordinanza e’ stata eseguita a Milano nei confronti di un calabrese che risiede nel capoluogo lombardo. Diciassette delle persone coinvolte nell’operazione erano libere, mentre tre erano gia’ detenute ed hanno avuto notificato il provvedimento in carcere.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: