• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

“Legalitàlia”: Busto è la città dei giovani antimafia

Fonte: www.informazioneonline.it

BUSTO ARSIZIO – Circa diecimila studentisono intervenuti lunedì mattina, 23 aprile, per la seconda edizione di “Legalitàlia in Primavera”, il meeting antimafia ideato da Aldo Pecora e promosso dal Movimento “Ammazzateci tutti”.
 
Dopo un’intensa prima parte di mattinata che ha coinvolto quattordici scuole della provincia di Varese, con workshop e seminari organizzati in nove teatri cittadini per discutere di mafia (25 relatori intervenuti per l’occasione), i ragazzi si sono ritrovati, alle 11, in piazza San Giovanni, pieni di grinta, rabbia ed anche di sano entusiasmo per quello che sembra essere solo il secondo capitolo di un evento che durerà negli anni. Oltre ai tantissimi striscioni, altrettanti sono stati gli sfottò e i cori organizzati (Mafia, Mafia… vaffanculo oppure Noi la Mafia non la vogliamo) dall’immensa folla che ha letteralmente invaso la città (qui il collegamento alla galleria fotografica).
 
Coordinati da Davide Borsani, studente dell’ITC e membro di “Ammazzateci Tutti”, i ragazzi hanno raggiunto il Museo del Tessile per ascoltare i più prestigiosi relatori della mattinata.
Massimo Brugnone, coordinatore regionale di Ammazzateci Tutti Lombardia, ha presentato l’evento, dando la possibilità a tutti gli intervenuti di parlare al giovane pubblico.
Primo a salire sul palco, il Presidente Nazionale di Ammazzateci Tutti, Aldo Pecora: “Qualsiasi cosa ci faranno, non avranno mai tanto piombo e tanto inchiostro per ammazzarci tutti”, ha dichiarato fermamente.
 
“Non scassateci la minchia!” ha urlato Giulio Cavalli, Consigliere regionale di SEL (Sinistra Ecologia Libertà), come sempre senza mezzi termini, diretto chiaramente a quella faccia dell’antipolitica che costituisce il male del nostro paese. “Non permettete che vi tolgano la bellezza” ha detto il Consigliere (e attore) ai giovani, “pretendete che tutto sia chiaro attorno a voi! In questa situazione di emergenza, dobbiamo essere tutti partigiani”.
 
È intervenuto anche Pino Masciari, imprenditore calabrese costretto a “fuggire di notte” dalla sua terra “per mettere in salvo la vita”.
Grande commozione nelle parole di Rosanna, la figlia di Antonino Scopelliti, Presidente dell’omonima Fondazione, che ha ringraziato tutti i giovani presenti: “Guardando il corteo ho sentito mio padre insieme a voi, nella vostra grandissima forza di dire no alla mafia – e ha concluso – abbiate sempre il coraggio di decidere da che parte stare. Se ne devono andare! Questa terra è nostra!” grida generando un boato di approvazione fra tutti i presenti.
Hanno preso la parola sul palco anche Eduardo Lamberti Castronuovo, Assessore alla legalità della provincia di Reggio Calabria, il professore Giovanni Laruffacapofila del gemellaggio antimafia Calabria-LombardiaSandro Chiaravallotti, segretario Siap Romagnolo, gli onorevoli Rosario Crocetta (vice-Presidente commissione parlamentare antimafia europea e Sindaco di Gela) e Lara Comi e Giulio Del Balzo, Presidente degli studenti di Varese.
 
A portare i saluti della città, il Sindaco Gigi Farioli e l’Assessore alla Cultura e politiche giovanili, Mario Crespi che ha coinvolto i ragazzi con 30 secondi di silenzio (leggi qui la nota comunale).

Legalitàlia, oltre 5 mila studenti pronti a urlare “No alla mafia”

Fonte: www.varesenews.it

Lunedì 23 Busto Arsizio si trasformerà nella capitale del nord che non accetta il potere mafioso. Nove conferenze con magistrati, forze dell’ordine, giornalisti, scrittori che conoscono e combattono il fenomeno. Oltre 1000 gli studenti dal resto della provincia

Saranno molti di più dell’anno scorso gli studenti che quest’anno prenderanno parte a Legalitàlia in Primavera, la giornata dedicata alla lotta alle mafie organizzata per il secondo anno consecutivo da Ammazzateci Tutti e dai rappresentanti degli studenti di tutti gli istituti bustocchi. L’evento si svolgerà lunedì 23 aprile in due fasi: la prima prevede le conferenze negli auditorium cittadini di Busto e la seconda, dalle 11 in poi, prevede il corteo per le vie della città e il raduno nel quadrato del Museo del Tessile. 

Quest’anno, ad aumentare la portata dell’evento, ci sarà anche la Consulta studentesca provinciale che è riuscita a coinvolgere oltre mille studenti provenienti anche da altre realtà scolastiche della provincia che andranno ad aggiungersi ai 4000 studenti di Busto e dintorni. Giulio Del Balzo, studente gallaratese della consulta, ha coluto sottolineare il perchè della partecipazione: «Il ruolo della consulta è quello di valorizzare e diffondere le iniziative meritorie degli studenti – ha detto – per questo, avendo anche dei fondi a disposizione, abbiamo deciso di finanziarne una parte con un contributo di 2 mila euro». Proprio grazie agli incontri promossi in ogni scuola, tramite la consulta, molti studenti verranno da fuori: «Al corteo potrebbero esserci più di 5 mila persone – annuncia Massimo Brugnone, coordinatore lombardo dell’associazione antimafie – ma non sarà quello il momento più importante di Legalitàlia in Primavera anche se sarà quello più colorato e vivace. I momenti importanti verranno vissuti dai ragazzi nei 9 auditorium cittadini dove si svolgeranno gli incontri con i relatori». 

Una platea di tutto rispetto che riunisce le forze vive del Paese che non si inchina ai poteri mafiosi che prosperano in Italia alimentando una crisi che è fatta, in buona parte, proprio dal sistema corruttivo e asfissiante costruito dalle mafie italiane (cosa nostra, ‘ndrangheta, camorra e sacra corona unita), come ha ricordato lo stesso preside del liceo Candiani Andrea Monteduro: «Questo sistema, così radicato in Italia, sta togliendo il futuro ai giovani inquinando l’economia legale e rendendola impotente davanti all’impresa mafiosa che non deve rispettare le regole e, quindi, fornisce servizi a prezzi molto più bassi». Tra i tanti ospiti ci sono molti amici di Ammazzateci Tutti come Giulio Cavalli, i giornalisti Mario Portanova e Cesare Giuzzi, magistrati del calibro di Mario Venditti(protagonista delle condanne della ‘ndrangheta di Legnano-Lonate Pozzolo), il capo della squadra mobile di Varese Sebastiano Bartolotta che ha sgominato due clan mafiosi a Busto Arsizio, l’eurodeputato Rosario Crocetta (già sindaco di Gela e ora vice-presidente della commissione antimafia del Parlamento Europeo), i testimoni di giustizia Pino Masciari (imprenditore) e Vincenzo Conticello (commerciante) e molti altri. Naturalmente ci saranno anche Aldo Pecora, fondatore e “inventore” del format Legalitàlia (nato a Reggio Calabria) e Rosanna Scopelliti, figlia del giudice vittima della mafia Antonino.

Infine ci saranno i ragazzi di Ammazzateci Tutti a organizzare il tutto, giovani che stanno crescendo dentro l’associazione come Valentino Magliaro, Davide Borsani, Francesco Fontana, Chiara Crepaldi e molti altri. Tutti giovani che da anni si impegnano nel movimento e da anni favoriscono con le loro idee e le loro azioni la crescita della cultura della legalità. Brugnone, infine, ci tiene a ringraziare le associazioni che hanno organizzato “Aspettando Legalitàlia”, una serie di appuntamenti che da questa sera, venerdì, fino a domenica scandiranno una sorta di countodown con mostre fotografiche, dibattiti e incontri dedicati al tema delle mafie.

20/04/2012

“Legalitàlia”: contro la Mafia per riprendersi il futuro

Fonte: l’inform@azione online

BUSTO ARSIZIO – La seconda edizione di Legalitàlia che si svolgerà lunedì 23 aprile con conferenze e dibattiti all’interno di teatri-auditorium e sale conferenze di Busto, culminerà poi nel Parco del Museo del Tessile dove ci si aspetta una gran folla, soprattutto di giovani, proveniente da tutta la provincia.
 
CONTRO LA MAFIA PER RIPRENDERSI IL FUTURO
Ancora qualche preparativo e poi potrà partire ufficialmente il conto alla rovescia per la grande manifestazione contro ogni tipo di fenomeno mafioso.
“La parte più sentita dell’evento – spiega il coordinatore dell’Associazione Ammazzateci Tutti, Massimo Brugnone – sono gli incontri che si svolgeranno nei vari auditorium della città. Per affrontare il problema della mafia infatti occorre come prima cosa il confronto, occorre parlarne e trovare delle iniziative efficaci per contrastare il fenomeno. Il corteo che partirà da piazza San Giovanni e giungerà nel parco del Museo del Tessile sarà la cassa di risonanza per trasmettere i vari messaggi ai cittadini ed agli altri ragazzi che ci raggiungeranno da tutte le scuole della provincia”.
 
Alla realizzazione dell’evento contribuiscono il Comune di Busto e la provincia di Varese con i rispettivi patrocini, ma la spinta determinante è nata dagli istituti scolastici grazie ai propri rappresentanti organizzativi: Davide Rovelli (Liceo Classico Linguistico Crespi), Chiara Trevisan e Martina Perani (I.P.C. Verri), Rebecca Ceriani e Chiara Crepaldi (Liceo Artistico Candiani), Giovanna Mantica ed Emily Donelli (Liceo Scientifico Tosi) e Davide Borsani(I.T.C. Tosi).
 
“È un appuntamento fondamentale che nasce dalla volontà dei ragazzi di affrontare il tema e ci chiedono di assumerci le responsabilità – commenta il preside dell’artistico Andrea Monteduro – Ad oggi ci sono tantissimi discorsi di morale e di appello al codice etico, in più questi ragazzi hanno capito che le attività mafiose mettono a serio rischio il loro futuro nel mondo del lavoro, che quotidianamente viene danneggiato proprio dagli illeciti di queste organizzazioni criminali. La manifestazione che si svolgerà lunedì mattina, 23 aprile, sarà un altro passo che compiranno i giovani per riappropriarsi del futuro, a cui ci auguriamo se ne aggiungeranno tanti altri… magari un fondo “No pizzo” per stare vicini ed aiutare gli imprenditori minacciati dalla criminalità e per non lasciarli soli”.
 
A fornire il proprio contributo all’evento anche la consulta provinciale degli studenti, di cui il vice-Presidente Giulio Del Balzo ha sottolineato  “la grande virtuosità del progetto portato avanti dai ragazzi e che è stato condiviso negli altri istituti scolastici del Varesotto”.
 
A partire dalle 8.30 si terranno le conferenze riservate agli studenti nelle numerose sale della città, la manifestazione si svolgerà poi nel parco del Museo del Tessile alle ore 11 con gli interventi dal palco a cui potranno assistere anche le delegazioni delle altre scuole,  e le persone che parteciperanno all’evento assieme ai ragazzi.
Andrea Mainini 
pubblicato il: 19/04/2012

La parola a chi sa come battere il racket

Fonte: La Prealpina – 20 Aprile 2012

Tutto pronto per Legalitàlia in Primavera: 14 scuole superiori in corteo

La mafia non passerà. Saranno 5mila o poco meno gli studenti che si riverseranno per le vie di Busto lunedì mattina. Sboccerà così la seconda edizione di Legalitàlia in Primavera, evento organizzato dal coordinamento lombardo dell’associazione E adesso ammazzateci tutti Ai vari cortei, che confluiranno al Museo del Tessile, prenderanno parte le scuole superiori statali cittadine e non solo. Si attendono ragazzi dai licei di Gallarate, Saronno, Tradate, Sesto Calende e Varese.

Ufficialmente sono quattordici le scuole. Altre ancora sono previsti in arrivo autonomamente. «Abbiamo voluto intendere l’evento antimafia come momento di confronto condiviso da varie realtà scolastiche: è la prima assemblea studentesca della provincia a cui partecipano così tante scuole», sottolinea il coordinatore della Consulta studentesca provinciale, Giulio del Balzo. A rendere nell’investimento sono soprattutto gli ospiti delle varie conferenze disseminate nei teatri cittadini, prima che il pubblico si converta in corteo per l’evento finale alle 11. Con inizio alle 8.30, ogni teatro ospiterà un incontro specifico.

Al Fratello Sole, Aldo Pecora, (presidente di Ammazzateci tutti) e Rosario Crocetta (ex sindaco di Gela, ora vicepresidente della commissione parlamentare antimafia a Bruxelles) spiegheranno come politica e giornalismo possano combattere la mafia. Al Teatro Sociale sarà tra gli altri Pino Masciari, imprenditore calabrese vittima di ritorsioni, a parlare di legislazione e cultura della denuncia. Un altro imprenditore, la cui famiglia è stata vittima di camorra, Luigi Vecchione, interverrà al Manzoni su racket e impresa sociale. All’auditorium Pro Busto, il ruolo delle donne nella mafia sarà affrontato da una giornalista e da una docente universitaria. L’attore Giulio Cavalli, protagonista di uno spettacolo a tema, già rappresentato a Busto, parlerà di mafia al Nord all’aula dell’Ipc Verri. Il capo della mobile di Varese, Sebastiano Bartolotta, interverrà al Sante’Edoardo sul ruolo delle forze dell’ordine. La figlia di Antonino Scopelliti, Rosanna, e il prete antimafia Aniello Manganiello parleranno al cinema Aurora di Borsano. Alcuni di loro, incluso il sindaco Gigi Farioli, saranno al microfono anche sul palco del Tessile a chiusura della manifestazione.

«Legalitàlia è questa, non altro», precisa l’organizzatore Massimo Brugnone, presidente lombardo di Ammazzateci tutti, con riferimento ad aspettando Legalitàlia. Sigla sotto cui alcune associazioni hanno inteso “tirare la volata” al corteo di lunedì. «E per questo le ringrazio», conclude Brugnone, prima di cedere la parola al dirigente scolastico Andrea Monteduro, in rappresentanza del coordinamento delle superiori bustocche, che invita a una critica a un modello socioeconomico che sottrae risorse alla comunità: «Come chiedere un futuro per i giovani, se tolleriamo che qualcuno sottragga risorse e li distribuisca iniquamente?».

Carlo Colombo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: