• Archivi

  • Foto Ammazzatecitutti Lombardia

‘Ndrangheta:patteggia a Milano presidente di una immobiliare

Un anno e mezzo per associazione mafiosa e uno per corruzione

11 gennaio, 18:03

(ANSA) – MILANO, 11 GEN – Alfredo Iorio, ai tempi dell’arresto presidente del gruppo immobiliare Kreiamo spa ha patteggiato a Milano un e mezzo per associazione mafiosa.

Iorio, che ha patteggiato anche un anno per corruzione, era stato fermato nell’ambito dell’inchiesta ‘Parco Sud’ sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel milanese. In manette finirono anche i boss Salvatore e Rosario Barbaro condannati in abbreviato lo scorso ottobre. A febbraio, poi, vennero arrestati Tiziano Butturini, ex sindaco Pd di Trezzano sul Naviglio, e Michele Iannuzzi, consigliere comunale del Pdl.(ANSA).

‘ndrangheta, sei anni a un imprenditore condannati anche i boss del clan Barbaro

Fonte: http://www.milano.repubblica.it

Il vicepresidente della immobiliare Kreiamo spa, Madaffari, era imputato nel processo “Parco Sud”
A giugno aveva subito un’altra condanna per aver corrotto un ex sindaco pd e un ex consigliere pdl

L’imprenditore milanese Andrea Madaffari, vicepresidente della immobiliare Kreiamo spa, è stato condannato a sei anni di reclusione per associazione mafiosa nel processo con rito abbreviato, denominato “Parco Sud”, sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nel settore edile e del movimento terra nella zona sud-ovest dell’hinterland milanese. Lo ha deciso il gup Donatella Banci Buonamici, che ha condannato anche gli esponenti della cosca Barbaro-Papalia a pene fino a otto anni e otto mesi di carcere.

Le indagini “Parco Sud” nel novembre 2009 avevano portato all’esecuzione di ordinanze di custodia cautelare nei confronti di 17 persone. Alla cosca erano state sequestrate numerose armi da guerra, tra cui una bomba a mano e fucili, arsenale utilizzato anche per imporsi nel settore immobiliare e nei cantieri. L’imprenditore Madaffari, secondo l’accusa, attraverso la Kreiamo spa controllava la Immobiliare Buccinasco srl, riconducibile ai Barbaro.

Madaffari era già stato condannato lo scorso 22 giugno a tre anni e quattro mesi di reclusione per aver corrotto l’ex sindaco del Pd di Trezzano sul Naviglio (Milano), Tiziano Butturini, e Michele Iannuzzi, ex consigliere comunale del Pdl di Trezzano. Adesso il giudice ha condannato il boss della ‘ndrangheta lombarda Salvatore Barbaro, già condannato a Milano per associazione mafiosa nei mesi scorsi, a otto anni e quattro mesi, mentre suo padre Domenico a otto anni e otto mesi e suo fratello Rosario a otto anni e sei mesi. Un altro componente del clan, Francesco Barbaro, è stato condannato a sei anni e sei mesi.

In totale sono arrivate sette condanne per associazione mafiosa, tra cui quelle a Domenico Papalia, tuttora latitante e nipote dello storico boss Rocco Papalia, e ad Antonio Perre a oltre sei anni. “Li hanno condannati due volte per la medesima associazione”, hanno commentato gli avvocati Gianpaolo Catanzariti e Ambra Giovene, legali di Domenico e Salvatore Barbaro. Stralciato, invece, il procedimento (fissato per il 12 novembre) per Alfredo Iorio, presidente della Kreiamo, che risponde di associazione mafiosa e corruzione.

L’accusa chiede condanne pesanti: 15 anni per Salvatore Barbaro e 8 per l’imprenditore lombardo Maurizio Luraghi

Fonte: http://www.milanomafia.com

Il pm Alessandra Dolci ha concluso la sua requisitoria chiedendo 15 anni per Salvatore Barbaro, 10 per il padre Domenico e 7 per il fratello Rosario. Richiesta pesante anche per Maurizio Luraghi, l’imprenditore lombardo accusato di aver fatto da schermo agli affari illeciti della ‘ndrangheta di Buccinasco. Per lui, l’accusa ha chiesto 8 anni e una multa di 1.000 euro. Sette anni anche per Mario Miceli, marito della sorella di Salvatore Barbaro. Assolta, invece, Giuliana Persegoni, moglie di Luraghi. L’accusa ha definito Barbaro “il capo dell’organizzazione e colui che chiedeva il pizzo agli imprenditori e distribuiva i camion dei padroncini calabresi nei vari cantieri del Milanese. La requisitoria è iniziata con un clamoroso attacco agli imprenditori lombardi che ormai “sono giunti a patti con le cosche” perché “è meglio averli amici”. Dopodiché sono stati citati diversi imprenditori, alcuni anche molti noti, che per anni e pur sapendo chi fossero i Barbaro, hanno fatto lavorare le imprese dei calabresi. Concedendo appalti enormi a società (come quelle di Salvatore e Rosario Barbaro) che non erano oggettivamente in grado di portare avanti i lavori. Quindi, l’accusa si è soffermata sullo stoccaggio illecito di rifiuti tossici, rivelando come sotto al complesso residenziale di Buccinasco Più in via Guido Rossa, la ‘ndrangheta abbia scaricato di tutto: da idrocarburi pesanti e eternit. Attualmente il complesso residenziale è abitato e quasi tutti gli appartamenti sono stati venduti.

Processo Cerberus. Smemorati, reticenti, mai colpevoli. Sono gli imprenditori lombardi che vengono a patti con la ‘ndrangheta

Fonte: http://www.milanomafia.com

L’accusa è stata lanciata oggi dal pm Alessandra Dolci durante la sua requisitoria. L’accusa contro la cosca barbaro-Papalia di Buccinasco ha puntato il dito contro gli imprenditori lombardi che scendono a patti con la ‘ndrangheta

Estorsione-tangente

Il nuovo termine coniato dal pm Alessandro Dolci per definire l’imprenditore colluso è quello di chi paga l’estorsione-tangente, termine a metà strada tra il pizzo e la mazzetta pagata volontariamente, senza che il boss la chieda.
Si tratta, secondo l’accusa, della situazione di
Maurizio Luraghi che oggi risulta vittima del clan ma che in passato ha tratto vantaggi da questo legame. In passato, infatti, Luraghi avrebbe pagato volentieri (“Ti do i soldi perché siamo amici”) la mazzetta alla ‘ndrangheta.
Oggi, l’imprenditore si trova con una richiesta di condanna a otto anni per
associazione mafiosa. Inoltre, la sua impresa, la Lavori stradali, risulta fallita. La società, aggiudicataria del mega appalto in via Guido Rossa a Buccinasco, ha sborsato, a titolo gratuito, oltre un milione di euro ai Barbaro. Dopodiché è fallita. Il fatto che dimostra la “cannibalizzazione delle imprese amiche da parte della ‘ndrangheta” sarà oggetto di un nuovo processo dove Luraghi è imputato per bancarotta fraudolenta.

Milano, 30 marzo 2010 – Se non sono collusi poco ci manca. Certo appaiono distratti, superficiali a dir poco, molto probabilmente consapevoli che lavorare con la ‘ndrangheta è molto meglio, più vantaggioso, paradossalmente, meno pericoloso. Questo il disarmante affresco degli imprenditori lombardi oggi, dipinto nella requisitoria del pm Alessandra Dolci, uno dei magistrati più esperti e competenti della Dda di Milano. Perché questa mattina alla Settima sezione del Tribunale di Milano c’erano le carte che inchiodano la cosca Barbaro-Papalia.

In sostanza l’inchiesta Cerberus conclusa nel luglio 2008 con l’arresto, tra gli altri, di Domenico Barbaro, dei figli Salvatore e Rosario, e dell’imprenditore lombardo Maurizio Luraghi. Oggi, dunque, e in attesa delle arringhe difensive, è stato messo un tassello decisivo al processo di mafia più importante degli ultimi 15 anni. Mafia al nord, naturalmente. ‘Ndrangheta a Milano nello specifico. “Ndrangheta imprenditoriale”, sostiene l’accusa. “Silente”, rilancia e precisa: “Con marginalizzazione di attività criminali”. Questo il contesto che confonde i piani e mischia pericolosamente il ruolo dell’imprenditoria lombarda. Omertosa senza dubbio. Colpevole sulla carta, ma non sempre nelle carte (processuali). Eppure, il pm, nei primi minuti della requisitoria, non abbassa il tiro, e quando può lo alza indicando almeno quattro categorie di imprenditori per così dire nebulosi.

La prima è quella di Maurizio Luraghi (per lui chiesta una condanna a 8 anni). Sintetizza il pm: “Sono quelli che dicono bene questi ci sono e allora veniamo a patti”. Patti che per l’accusa, Luraghi ha travalicato diventando “imprenditore colluso”. La seconda è quella rappresentata “da uno come Mario Pecchia”, immobiliarista di grido, titolare della Finman srl con uffici in via Durini. “Lui – dice Alessandra Dolci – è uno di quelli che è rimasto esterefatto di essere vittima di compaesani che considero amici”. La terza categoria sono quelli che dicono “avete scoperto l’acqua calda”. Qui rientra Ernesto Giacomel patron, ad Assago, di uno dei rivenditori Audi più grandi d’Europa. La sua teoria viene così riassunta dal pm: “Quelli è meglio averli amici”. Oggi come ieri. Spiega il magistrato: “Giacomel ha lavorato con Rocco Papalia e ha fatto lavorare sui suoi terreni le imprese dei Barbaro”. E poi ci sono quelli che davanti al giudice perdono la memoria. Sentito dal pm un imprenditore dice: “Meno male che siete venuti voi. Ora si respira aria nuova”. Parole che si volatilizzano in aula con gli imputati nel gabbione.

La trafila degli imprenditori prosegue e s’ingrossa con la vicenda di subappalti da 700.000 euro affidati a imprese individuali (quelle di Rosario e Salvatore Barbaro) che possono offrire, se va bene, due camion e un escavatore arrugginito. O altri, come Massimiliano Guerra che firmano il contratto di subappalto ai Barbaro ancora prima di aver vinto l’appalto. Dopodiché pagano 40.000 euro a Barbaro su un totale di 60.000 euro.Altri ancora, come Sergio Domenico Coraglia, titolare dell’immobiliare I Girasoli, che sponsorizzano le imprese degli stessi calabresi. (dm)

Trezzano la ‘ndrangheta in Comune, arrestati ex sindaco e assessore: “Tangenti per le aree del piano regolatore”

Fonte: http://www.milanomafia.com

In manette Tiziano Butturini, ex primo cittadino in quota Pd oggi alla guida di Tasm e Amiacque, e l’ex assessore ai lavori pubblici Michele Iannuzzi, oggi consigliere del Pdl. In carcere anche Gino Terenghi, geometra del Comune

L’inchiesta

L’inchiesta Parco Sud ha preso le mosse dalla precedente indagine Cerberus che nel luglio del 2008 aveva portato in cella Mico l’australiano e i figli Rosario e Salvatore Barbaro

Scoperto un arsenale in un box di Assago e arrestato il latitante Paolo Sergi. Nel mirino gli interessi immobiliari del clan e Immobiliare Kreiamo di Cesano Boscone intestata a Madaffari Andrea e Alfredo Iorio, figlio dell’ex consigliere comunale di Forza Italia Achille Iorio

Milano, 22 febbraio 2010 – Le manette arrivano fino nelle stanze delle istituzioni. Dopo gli arresti della banda Iorio-Madaffari, i referenti immobiliari della cosca Barbaro-Papalia di Buccinasco, ora tocca ai legami con il mondo della politica. In manette, su mandato dei pm della Dda Boccassini, Venditti, Storari e Dolci, ora sono finiti l’ex sindaco di Trezzano sul Naviglio e marito di Liana Scundi attuale primo cittadino, Tiziano Butturini (nella foto), l’ex assessore ai lavori pubblici e oggi consigliere del Pdl in Comune, Michele Iannuzzi e un tecnico comunale, il geometra Gino Terenghi. Per loro l’accusa è di corruzione. Un ordine di custodia cautelare in carcere è infatti stato recapitato dagli uomini della Dia di Milano anche alla mente del sistema Barbaro: l’immobiliarista Andrea Madaffari già detenuto a Opera. Già lo scorso 3 novembre gli uomini della Direzione investigativa antimafia avevano perquisito gli uffici di Butturini alla società che si occupa di tutela delle acque Tasm e alla Amiacque. Lo stesso Butturini confermò di aver ricevuto dalla Procura un avviso di garanzia per l’operazione Parco Sud. Oggi, dopo aver analizzato tutta la documentazione contabile sequestrata i nuovi arresti. Secondo le accuse l’ex sindaco e soprattutto l’ex assessore Iannuzzi avrebbero preso mazzette in cambio di varianti al piano regolatore in modo da favorire gli affari immobiliari del duo Iorio-Madaffari. La Dia ha anche sequestrato 256.500 euro dai conti bancari degli arrestati

In particolare per Butturini viene contestata questa accusa: “artt. 110, 81, 319, 319 bis c.p. perché, in concorso con persone non identificate, in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, al fine di compiere atti contrari ai doveri d’ufficio e in particolare per affidare a due imprese di ingegneria partecipate da Kreiamo S.p.A. incarichi in violazione del principio di imparzialità amministrativa, riceveva da Alfredo Iorio, Michele Iannuzzi, Andrea Madaffari la somma di € 5.000,00 nonché la promessa di somme di denaro, allo stato non quantificate, in percentuale sull’ammontare del conferendo incarico, in tal modo facendo mercimonio della pubblica funzione. Con l’aggravante derivante dal fatto che le corruzioni hanno avuto per oggetto contratti della Tasm S.p.A. di cui Butturini è Presidente del C.d.A. In Opera il 23.12.2008.

Al duo Madaffari-Iannuzzi: “artt. 110, 81, 321 in relazione all’art. 319, 319 bis c.p. perché, in concorso con Iorio e con altre persone non identificate, in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, affinché Butturini compiesse atti contrari ai doveri d’ufficio e in particolare perché affidasse a due imprese di ingegneria partecipate da Kreiamo S.p.A. incarichi professionali e per ottenere celermente i pagamenti degli incarichi già espletati, corrispondevano a Tiziano Butturini la somma di € 5.000,00 nonché gli promettevano somme di denaro, allo stato non quantificate, in percentuale sull’ammontare del conferendo incarico. Con l’aggravante derivante dal fatto che le corruzioni hanno avuto per oggetto contratti della Tasm spa di cui Butturini è Presidente del C.d.A. In Opera il 23.12.2008”.

Al solo Iannuzzi le tre imputazioni: “artt. 110, 81, 319 c.p. perché, in concorso con persone non identificate, in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, al fine di compiere atti contrari ai doveri d’ufficio e in particolare al fine di garantire l’approvazione (intervenuta in data 7.2.2007) di un piano di lottizzazione inerente l’area sita in Trezzano Sul Naviglio via Maroncelli, in palese violazione del disposto dell’art. 18.9 delle N.d.A. del PRG di Trezzano Sul Naviglio riceveva (unitamente a Tiziano Butturini, che però non ricopriva alcuna funzione pubblica nel comune di Trezzano S/N) una somma pari a € 12.000 nonché la promessa di ulteriori € 100.000,00 circa in tal modo facendo mercimonio della pubblica funzione. In Cesano Boscone e Opera in data anteriore e prossima al settembre 2008″.
“Artt. 110, 81, 319 c.p. perché, in concorso con persone non identificate, in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, al fine di compiere atti contrari ai doveri d’ufficio e in particolare al fine di garantire l’approvazione (intervenuta in data 23.4.2008) di un programma integrato di intervento inerente l’area sita in Trezzano Sul Naviglio via Brunelleschi riceveva (unitamente a Tiziano Butturini, che però non ricopriva alcuna funzione pubblica nel comune di Trezzano S/N) ) una somma pari a € 9.000 nonché la promessa di ulteriori € 200.000,00 circa in tal modo “svendendo” e facendo mercimonio della pubblica funzione. In Cesano Boscone e Opera in data prossima al dicembre 2008”.
“Artt. 110, 81, 319 c.p. perché, in concorso con persone non identificate, in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, al fine di compiere atti contrari ai doveri d’ufficio e in particolare al fine di garantire l’approvazione (intervenuta in data 23.4.2008) di un programma integrato di intervento inerente l’area sita in Trezzano Sul Naviglio via Treves riceveva (unitamente a Tiziano Butturini, che però non ricopriva alcuna funzione pubblica nel comune di Trezzano S/N) ) la promessa di corrispondere la somma di circa € 200.000,00 in tal modo “svendendo” e facendo mercimonio della pubblica funzione. In Cesano Boscone in data prossima al 10.10.2008”.

Per il geometra Terenghi: “artt. 110, 81, 319, c.p. perché, in concorso con persone non identificate, in tempi diversi e in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, riceveva da Alfredo Iorio una somma pari a € 2.000,00 nonché utilità consistite in lavori di ristrutturazione gratuiti presso la sua abitazione sita in Trezzano Sul Naviglio per un ammontare complessivo pari a € 28.500,00 al fine di compiere e per aver compiuto atti contrari ai doveri d’ufficio e in particolare per contribuire e per aver contribuito a rilasciare il permesso di costruire n. 17/07 in assenza di una relazione idrogeologica di cui all’art. 18.9 delle N.d.A. del P.R.G. In Cesano Boscone fino al dicembre 2007”. (cg)

Buccinasco, la replica degli ex assessori: “I lavori di via Resistenza precedenti alla giunta Carbonera. Pronti ad essere sentiti dai magistrati”

Fonte: http://www.milanomafia.com

Giambattista Maiorano (Bilancio) e Rino Pruiti (Ambiente) rispondono alle dichiarazioni di Rosario Barbaro. “I nostri rapporti con le loro aziende sono cristallini”

La vicenda rifiuti tossici

Sul sito dell’Istituto superiore di sanità si legge: «Il cromo esavalente o cromo VI è un pericolo per la salute umana». Bene, nel 2003 il cromo viene trovato in un terreno comunale di Buccinasco. L’area è quella di via Resistenza, un pratone di oltre 7 mila metri quadrati. Da allora è bloccata, in attesa di bonifica. «Sul terreno di via Resistenza», scrivono i tecnici dall’Arpa (l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Lombardia), «sono stati individuati due focolai di contaminazione diffusa. Un mix di veleni che penetra nel terreno e finisce nella falda acquifera.

Chi li ha scaricati nel pratone di via Resistenza? L’allora sindaco di Buccinasco, Maurizio Carbonera manda un esposto contro ignoti alla Procura di Milano. I magistrati archiviano. Senza risposte anche un’interrogazione parlamentare .
Dopo cinque anni, nel 2008, viene ritrovata una lettera che proverebbe le responsabilità dell’inquinamento: la scrive al Comune Rosario Barbaro, il fratello maggiore di Salvatore Barbaro. La lettera è datata 8 maggio 2003. È una richiesta di soldi: «Durante i mesi estivi dello scorso anno, la mia ditta ha cominciato a trasportare a discarica vari materiali di risulta e poi ha immesso nell’area di via Resistenza 5 centimetri di terra di coltivo». Barbaro pretende il pagamento di «26.339.000 euro, pari a 170 viaggi di camion». I viaggi sono avvenuti, ammette la lettera, nell’estate 2002, quindi prima della scoperta dell’inquinamento da cromo. A confermare l’ipotesi anche l’attuale funzionaria comunale Gregoria Stano: «Barbaro ha lavorato in via Resistenza. Tutti lo sanno, ma nessuno parla o prende provvedimenti».
Rosario Barbaro non è nuovo a questo metodo. In passato ha avuto a che fare con la giustizia per fatti simili: nel 2003 i vigili avevano scoperto una discarica abusiva, inquinata da amianto, in via Trecastelli, zona Barona dentro il perimetro del Parco sud Milano, area strettamente vincolata. Sul verbale di polizia giudiziaria si legge: «L’episodio deve essere inquadrato in un piano organizzato di realizzazione di una discarica abusiva». Il tutto aggravato perché realizzato dentro i confini di un parco. Gli investigatori sospettano i Barbaro «di voler così cambiare la destinazione d’uso dell’area». Anche in questo caso, però, il pubblico ministero fa richiesta di archiviazione. In realtà, Rosario Barbaro viene riconosciuto colpevole di aver creato una discarica abusiva, reato che però può essere estinto pagando un’ammenda. Il 25 maggio, lo stesso tribunale attesta il pagamento di 13 mila euro da parte di Rosario Barbaro. Il caso è chiuso. (dm)

Milano, 5 febbraio 2010 – Rosario Barbaro durante la sua deposizione in aula, durata poco meno di un’ora, ha parlato dei legami delle imprese di famiglia con l’ex amministrazione comunale di Buccinasco, ha parlato degli appalti ottenuti direttamente dal Comune e ha giurato di non aver preso un soldo per tutti gli interventi. Alle sue parole, oggi rispondono alcuni dei diretti interessati, l’ex assessore al Bilancio Giambattista Maiorano e quello all’Ambiente Rino Pruiti.

Rosario Barbaro ha lavorato con i propri camion in via Resistenza (nella foto), un terreno oggi inquinato dal cromo esavalente. Quali sono stati i passaggi che hanno portato l’Amministrazione ad affidare l’incarico alla società di Rosario Barbaro?

“Al di là di quanto afferma Barbaro, c’è da precisare che tutte le attività di movimento terra registrate in via Resistenza sono antecedenti all’insediamento dell’Amministrazione Carbonera avvenuta nel giugno del 2002”.

E quindi a quando risale l’inizio dei lavori?

“Tutti i lavori sono databili al periodo della Giunta Lanati (2000-2001) e successivamente nel periodo del commissariamento, a riprova di questo esistono due interrogazioni consiliari del Consigliere Giampietro Camito di Rifondazione Comunista (corredate di foto), interrogazioni che sono state ignorate sia dal Presidente del consiglio comunale dell’epoca (Luigi Iocca: che ha dichiarato di non averle mai viste) che dal commissario di Governo che è succeduto al Sindaco dopo il commissariamento (che non era obbligato a valutarle). Molto verosimilmente le autorizzazioni, per altro soltanto verbali, sono state date dai dirigenti degli uffici comunali dell’epoca. Del resto, qualora ci fossero dubbi, esiste una lettera protocollata dalla Edil Company dei Barbaro dove descrivono la cronistoria di quanto accaduto facendo nomi e cognomi”.

I Barbaro non vennero pagati, quindi…

R: I Barbaro o meglio l’impresa Edil Company dei Barbaro (anche se la fattura è stata emessa da Barbaro Rosario), per le attività svolte, presentò una fattura dell’importo di 38.000 mila euro. Il documento è girato parecchio tra l’ufficio tecnico e la ragioneria generale.

E lei, Maiorano vide quella lettera?

“Nella mia qualità di assessore al bilancio (Giambattista Maiorano), quando mi fu sottoposta, dopo reiterate sollecitazioni alla struttura da parte dell’impresa, avendo verificato la mancata copertura della spesa e l’inesistenza di qualsiasi documento, determina o delibera, che potesse giustificare i lavori, diedi esplicito ordine di non pagare. Così come l’Assessore all’ambiente dell’epoca (Rino Pruiti) aveva rifiutato agli uffici comunali il visto per mandare avanti la determina/delibera con gli stessi motivi (luglio 2002)”.

C’è stato contenzioso con la famiglia Barbaro?

“No. Né risultano azioni legali in fase successiva. Immagino invece che tali azioni possano essere state sostituite da atti di provocazione, avvertimenti e di intimidazioni sia nei confronti del personale (vedi denuncia dell’arch. Fregoni per i danni causati alla sua autovettura) che del Sindaco Maurizio Carbonera”.

I Barbaro tuttavia hanno sempre respinto queste accuse, ossia di aver avviato atti intimidatori o minacce nei confronti dell’amministrazione.

“Ovvia, mi sembra la posizione espressa dai Barbaro. Un sospetto non è una prova. Saranno la magistratura e le forze dell’ordine a scoprire l’arcano. Una cosa è certa: auto bruciate, croci e proiettile non possono essere un regalo del cielo!”

Rosario Barbaro ha parlato di due incontri con l’allora sindaco Carbonera. Avete mai saputo di questi incontri?

“Non sono mai stato presente (Maiorano + Pruiti). Li ritengo possibili e del tutto plausibile la risposta in merito a via Resistenza dopo l’esito dei carotaggi. Ovvio che la motivazione non poteva essere soltanto questa, ma, come detto nella risposta su via Resistenza, la disposizione da me data in mancanza di qualsiasi elemento di prova dell’affidamento”.

Quando e come si seppe di quella vicenda, mi sembra di capire quando Lanati era ancora in carica?

“Non sapevamo della vicenda nel 2000, infatti, l’opposizione fece appunto un’interrogazione consiliare per “sapere” che cosa stava accadendo in via Resistenza”.

Le dichiarazioni in aula da parte di Rosario Barbaro sono state molto nette.

“Mi spiace che da parte del Pm Dolci possa non esserci stato alcun dubbio circa la dichiarazioni di Barbaro”.

Tuttavia è giusto ricordare che le dichiarazioni di un imputato non hanno alcun valore per il procedimento…

“Sono pronto (insieme all’ex Assessore Rino Pruiti) , ovviamente, a fornire la mia versione dei fatti al fine di ristabilire ciò che è una verità storica anche per non distorcere, come si è fatto da parte di Cereda & C., l’impegno di Maurizio Carbonera”. (cg/dm)

Processo Cerberus, parla Rosario Barbaro: “Per il Comune lavorammo anche gratis”

Fonte: http://www.milanomafia.com

Il figlio di Mico l’australiano in aula racconta dei lavori di movimento terra eseguiti per conto dell’Amministrazione di Buccinasco. “Per via Resistenza non abbiamo ricevuto un soldo”

Rosario Barbaro è nato a Platì il 19 luglio 1972. E’ il fratello maggiore di Salvatore Barbaro finito nei guai dopo l’inchiesta Cerberus delle Fiamme gialle. Entrambi sono figli di Domenico Barbaro, Mico l’australiano

Rosario Barbaro era titolare di un’azienda individuale di movimento terra con sede in via Cadorna, 126 a Buccinasco, poi chiusa.

Insieme al padre è stato poi titolare della Mo.Bar con sede in via Concordia a Corsico. L’azienda si occupava di lavori di movimento terra

Il 10 luglio del 2008 è stato arrestato dal Gico della guardia di Finanza per associazione mafiosa insieme al padre Domenico e al fratello Salvatore

Attualmente è detenuto e imputato nel processo in corso alla Settima sezione penale del tribunale di Milano

Milano, 28 gennaio 2009 – “Dal Comune di Buccinasco non abbiamo mai preso un soldo. L’amministrazione ci incaricò dei lavori in via Resistenza ma non volle pagarci perché aveva contestato in nostro intervento dicendo che la terra utilizzata era inquinata. Ma in altre occasioni uomini del Comune ci chiesero di aiutarli per piccoli lavori che abbiamo eseguito gratuitamente”. Nell’aula della Settima sezione penale del Tribunale di Milano parla Rosario Barbaro, imputato con l’accusa di associazione mafiosa insieme al fratello Salvatore e al padre Domenico. Il pm Alessandra Dolci procede con l’esame dell’imputato che racconta i suoi inizi con ruspe e bilici. Dalla prima società, la ditta individuale Rosario Barbaro nei primi anni novanta, alla carcerazione per droga qualche anno più tardi. Poi la messa in liquidazione della società per motivi finanziari e l’ingresso nella Mo.Bar insieme al padre Domenico. Un’azienda che per anni s’è occupata del movimento terra nella zona di Buccinasco e di tutto l’hinterland di Milano e le cui vicende sono ora al centro dell’inchiesta Cerberus sul gruppo Barbaro-Papalia. Rosario, detenuto dal luglio del 2008, ha parlato anche dei lavori svolti per conto del Comune di Buccinasco. Dall’intervento di via Resistenza, dove l’amministrazione autorizzò la copertura con terra di coltivo di un’area verde, fino a “piccoli lavori” eseguiti a titolo gratuito.

In via Resistenza diede incarico ai Barbaro di ricoprire l’area con 5 centimetri di terra di coltivo, terreno vergine. “Poi l’allora sindaco Maurizio Carbonera attraverso il geometra che si occupava della pratica mi chiese di aumentare la copertura fino a 25 centimetri – ha raccontato Rosario Barbaro in aula -. A lavori finiti ci fu un contenzioso con il Comune: dissero che il terreno utilizzato era inquinato. Così non pagarono mai l’intervento svolto”. Lavori per circa 38 mila euro, bloccati dopo la scoperta di cromo esavalente fatta dai tecnici dell’Arpa tanto che l’area finì sotto sequestro. Rosario Barbaro sostiene di avere incontrato due volte in tutta la sua vita l’ex sindaco Carbonera, sempre e soltanto per questioni di lavoro.

Poi il maggiore dei fratelli Barbaro parla di un intervento eseguito con le proprie ruspe in via Salieri, la zona dove nel 2005 vennero ritrovati due bazooka nascosti accanto alla Tangenziale. “Un giorno incontrai l’ex sindaco Guido Lanati (in carica prima di Carbonera e in seguito assessore della giunta, ndr) che mi chiese se potevo dargli una mano: c’erano due mucchi di terra abbandonata e mi disse se potevo spianarli – racconta Barbaro -. Per me non c’erano problemi, gli chiesi l’autorizzazione ad accedere al cantiere. Gli dissi: fammi quattro o cinque giorni di permesso, e alla prima occasione vado. E così fece, dal Comune mi arrivò l’autorizzazione del capo dell’ufficio tecnico Fregoni ed eseguii i lavori”. Racconta l’imputato che per quell’incarco la sua azienda non venne pagata dall’amministrazione: “Era un favore e lavorammo gratuitamente”.

Tra le parole di Rosario Barbaro spunta l’ennesimo riferimento a Pasquale Papalia e ai suoi lavori nel cantiere di Buccinasco più. “Lui – dice il figlio di Mico l’australiano – non poteva lavorare perché aveva pochi camion, mi pare fossero due”. E dunque perché mai Adriano Pecchia volle a tutte i costi dare 24.000 euro al figlio del boss Antonio Papalia? Soprattutto facendo figurare quel denaro come manodopera effettivamente eseguita dalla Lavori stradali di Maurizio Luraghi. Ma Rosario Barbaro fa di più, confermando una frase detta dal fratello Salvatore, sul monopolio della ‘ndrangheta nel campo del movimento terra. “Prima di tutto devono lavorare i nostri camion”, sarebbero queste le parole dette da Salvatore Barbaro a Luraghi che po le riferisce a Rosario.(cg/dm)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: